a metà tra lo smarrimento e il tornare a casa

c’è stato un periodo della mia vita in cui ero molto sciocca e molto innamorata, e naturalmente pensavo cose molto sciocche e insensate, e altrettanto naturalmente adoravo un certo film e la sua colonna sonora. di yann tiersen non ascoltavo nulla da anni. ieri, quando per un esercizio di teatro l’insegnante ha fatto partire questa canzone, ho provato una sensazione a metà tra lo smarrimento e il tornare a casa. ed ero felice, e pensavo che ero lì, a fare qualcosa che non avrei mai immaginato, e che dopotutto – prendendo in prestito alcuni versi di mariangela gualtieri – chiedere le cose impossibili, battersi con il vento, sbandare di continuo, indispettire quel cielo ostinato che si nasconde dietro al nostro cielo è un gioco battagliero meraviglioso.

One comment

  1. Sg scrive:

    Che bello!! Bentornata 🙂

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

AlphaOmega Captcha Classica  –  Enter Security Code